Quotidiani locali

Vai alla pagina su Nordest Economia
Modulblok presenta il robot di ultima generazione per la logistica di magazzino

Modulblok presenta il robot di ultima generazione per la logistica di magazzino

Crescita sostenuta dell'azienda friulana nel 2017 che ha realizzato +70% nell'export e +56% nelle vendite sul mercato interno

UDINE - Presentato, nello stabilimento di Amaro, il nuovo sistema automatizzato SRAC (Saldatura Robot Automatico Carpenteria) interamente progettato in house da Modulblok Spa.

Lo SRAC è un robot antropomorfo, realizzato in due esemplari, tutti e due attivi nello stabilimento, che completa e arricchisce la linea produttiva dell’azienda friulana leader italiano nella realizzazione di tecnologie e logistica di magazzino.

Di particolare rilievo il fatto che SRAC è un robot ad alta automazione, interamente progettato da Modulblok partendo dall’analisi delle necessità produttive dell’azienda.

«Il nostro approccio è sempre pragmatico - dichiara Mauro Savio, amministratore unico dell’azienda di Pagnacco/Amaro (Udine) - perché la standardizzazione non è una risposta adeguata alle realtà complesse nelle quali ci impegnamo. Operiamo personalizzando ogni commessa, lavorando in modo sartoriale. Questo significa che per armonizzare circa 3.000 commesse l’anno, che vanno da 2.000 euro a 6 milioni di euro, dobbiamo avere una capacità produttiva altamente flessibile e performante, controllata in ogni sua componente e, soprattutto, consapevolmente partecipata dagli operatori».

Partendo dal punto fermo che il magazzino è il cuore della business continuity di un’azienda, Modulblok ha sperimentato per prima su sé stessa le modalità di massimizzazione delle performance, trasferendole poi sui prodotti che realizza. Per questo, partendo da una progettualità molto elaborata, sostenuta da un team di 16 ingegneri/tecnici, la linea produttiva si sviluppa dalla selezione di acciai certificati per poi, «attraverso un processo interamente controllato da un sistema gestionale di nostra elaborazione - come sottolinea Mario Di Nucci, direttore dello stabilimento di Amaro - arrivare al punto centrale della produzione dove sono inseriti gli SRAC. Abbiamo applicato il lean thinking all’intero flusso della trasformazione della materia anche grazie ad un’architettura informatica di nostra elaborazione che riduce al minimo gli sprechi e le attività a non-valore».

Con un team di 150 risorse, sottoposte a costante formazione e aggiornamento, Modulblok sta conquistando il mercato imponendosi come un esempio di Made in Italy ad alta affidabilità.

«Nell’ultimo biennio siamo cresciuti in modo esponenziale - ha dichiarato Mauro Savio - con un incremento del 56% in Italia, anche grazie alle agevolazioni offerte dall’iperammortamento, e del 70% all’estero. Contiamo di riuscire a confermare questi trend decisamente positivi anche per il 2018».

Modulblok ha inoltre messo in opera piani di adeguamento della zona produttiva, oggi di 18mila metri quadri, avviando un progetto di ampliamento della sede di Amaro di ulteriori 4.000 mq, lavori che saranno ultimati in due anni.

A completamento, questo sviluppo porterà anche un incremento della forza lavoro, con la stabilizzazione di

oltre 30 risorse attualmente già impegnate in azienda con contratti interinali.

Accanto ai reparti produttivi ci saranno nuovi ingressi anche negli uffici tecnici nei quali, è interessante notare, la presenza femminile è cospicua ed è una donna la responsabile dell’ufficio tecnico.

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro