Quotidiani locali

Vai alla pagina su Nordest Economia
Snaidero dice no ai cinesi e apre al Fondo Dea Capital

Snaidero dice no ai cinesi e apre al Fondo Dea Capital

Il Consiglio di amministrazione della Snaidero Rino Spa, scaduta l’offerta vincolante ricevuta da un importante Gruppo Cinese internazionale senza che i relativi contenuti siano stati approvati dalla maggioranza dei creditori finanziari, ha deliberato di proseguire nel percorso di partnership con Dea

Dea Capital è pronta a entrare nel capitale di Snaidero Rino spa come azionista di maggioranza con il 51% del capitale.

È quanto si legge in una nota dell'azienda di arredamento e cucine dove si specifica che il cda, scaduta senza esito l'offerta vincolante ricevuta da un gruppo cinese, «ha deliberato la disponibilità manifestata concretamente nei mesi precedenti e reiterata recentemente, di proseguire nel percorso di partnership con il fondo Dea Capital Ccr II, parte del gruppo De Agostini, che da fine dicembre è il principale partner finanziario della Snaidero».

A dicembre il gruppo attraverso Idea Capital aveva rilevato dalle banche creditrici l'esposizione debitoria dell'azienda friulana. «Il percorso prevede l'immissione delle risorse necessarie per un importante progetto di sviluppo internazionale dell'azienda, investimenti per il completamento del progetto di ottimizzazione degli stabilimenti produttivi ed importanti sinergie con il gruppo per lo sviluppo della rete vendita internazionale del gruppo

Snaidero».


"Il CDA della Snaidero con senso di responsabilità ha preso le decisioni migliori per delineare un futuro di grande continuità e sviluppo nell’interesse dei partner finanziari, dei collaboratori, dei fornitori e dei clienti dell’azienda stessa" spiega l'azienda.

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori