Quotidiani locali

Vai alla pagina su Nordest Economia
Pedemontana, l'Anac bacchetta: Troppi fondi pubblici

Pedemontana, l'Anac bacchetta: "Troppi fondi pubblici"

L'autorità ha rilevato alcune criticità sull'iter relativo alla Pedemontana veneta in una delibera, pubblicata oggi e inviata alla Procura della Corte dei Conti, la quale ha già aperto un'indagine sullo stato di avanzamento dei lavori

Un incremento del contributo pubblico che «non appare ammissibile» alla luce delle condizioni contrattuali, perché potrebbe «falsare la concorrenza». Un impiego di risorse pubbliche che, anche se più «attenuato» rispetto al passato, in generale è ancora «sbilanciato a sfavore del soggetto pubblico» rispetto alla «mobilitazione delle risorse private da parte del Concessionario». Uno slittamento del termine di ultimazione dei lavori al 30 settembre 2020 giudicato «non ammissibile» senza una corrispondente e adeguata riduzione del termine di durata della gestione.

Sono alcune delle principali criticità sull'iter relativo alla Pedemontana veneta mosse dall'Autorità Nazionale anticorruzione in una delibera, pubblicata oggi e inviata alla Procura della Corte dei Conti, la quale ha già aperto un'indagine sullo stato di avanzamento dei lavori.

 

“Leggo con responsabile soddisfazione la delibera Anac che interviene sulla nota questione della Pedemontana. L'Autorità ha infatti confermato: le estreme criticità ereditate dalla passata impostazione giuridica ed economica della concessione e ne ha dato atto; ha riconosciuto esplicitamente con argomenti inequivocabili la bontà degli interventi messi in campo dalla Regione in gestione ordinaria e le scelte adottate nel senso di conservare il rapporto in atto; ha altrettanto inequivocabilmente affermato, e questa è la cosa più importante, la correttezza giuridica del terzo atto convenzionale introdotto dalla Regione a modifica della convenzione precedente, modifica che è stata definita non sostanziale, rispettosa delle regole della concorrenza e non stravolgente l'impianto originario, con buona pace dei critici che sbandierano il rischio da contenzioso; ha perfettamente compreso il risultato economico vantaggioso

per la regione in termine di scampato pericolo da un rischio riconosciuto come indeterminato e indeterminabile, e ha dato atto dei notevoli risparmi” risponde per la Regione Veneto il Commissario per la Superstrada Pedemontana veneta, vice avvocato dello Stato Marco Corsini.

 

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista