Quotidiani locali

Vai alla pagina su Nordest Economia
Banche, la Bce propone una piattaforma di trading per smaltire Npl

Banche, la Bce propone una piattaforma di trading per smaltire Npl

La piattaforma, si spiega, potrebbe essere costituita dalla banche che intendono usarla per vendere gli Npl o da una terza parte che potrebbe essere un fornitore di dati. La sua funzione sarebbe quella di raccogliere, convalidare e armonizzare i dati sugli Npl e offrire agli investitori la capacità di effettuare transazioni

Una piattaforma di trading che possa aiutare le banche dell'eurozona a liberarsi della montagna di bad loans che ancora gravano sui loro bilanci. E' l'idea di progetto avanzata oggi dalla Bce in un rapporto pubblicato oggi sul suo sito. Nel documento, la Bce sostiene l'utilità di una piattaforma di trading centralizzato per i non-performing loans (Npl) che a suo avviso potrebbe contribuire a ridurre i costi per i potenziali investitori e di conseguenza aumentare i prezzi di vendita dei prestiti in questione.

La piattaforma, si spiega, potrebbe essere costituita dalla banche che intendono usarla per vendere gli Npl o da una terza parte che potrebbe essere un fornitore di dati. La sua funzione sarebbe quella di raccogliere, convalidare e armonizzare i dati sugli Npl e offrire agli investitori la capacità di effettuare transazioni.

Uno strumento di questo tipo aiuterebbe secondo la Bce a risollevare un mercato europei degli Npl che al momento è inefficiente, caratterizzato da una basso numero di grandi acquirenti e di conseguenza da bassi volumi di acquisti e di conseguenza bassi prezzi. In gran parte, secondo l'analisti della Bce, questo avviene perché è molto costoso per i potenziali acquirenti ricercare i dettagli e la storia di ogni singolo loan.Nel progetto della Bce i governi non sarebbero chiamati a finanziare la piattaforma ma dovrebbero incentivare le banche a farne uso e di conseguenza introdurre nuove regole per facilitarne la creazione.

"I costi di operazione della piattaforma - spiega il documento Bce - dovrebbero essere sostenuti dal settore" e gli analisti della banca centrale sottolineano che l'investimento iniziale fisso potrebbe essere "sostanziale". Le banche dell'eurozona detenevano alla fine di marzo sui loro bilanci 921 miliardi di euro di non-performing loans, pari al 6,1% di tutti gli impieghi.

"Portando trasparenza al mercato e riducendo i costi di transazione - conclude il rapporto - si possono abbassare le barriere all'ingresso e di conseguenza si potrebbe portare al mercato una platea piu' ampia e diversificata di investitori aumentando la competizione sui prezzi e creando un mercato piu' profondo

e piu' liquido". Prima di procedere alla realizzazione di una simile piattaforma, avverte il rapporto, e' tuttavia necessario compiere ulteriori analisi anche per valutare quanto sia fattibile il piano considerando le esigenze di protezione dei dati e le norme sulla segretezza bancaria.

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro