Quotidiani locali

Vai alla pagina su Nordest Economia
Delfin, in calo la reddittività della cassaforte di Del Vecchio

Delfin, in calo la reddittività della cassaforte di Del Vecchio

L'utile netto della holding della famiglia Del Vecchio nel 2016 è stato di 312 milioni di euro dai 404 milioni dell'anno precedente (che erano quasi raddoppiati dai 206 milioni del 2014)

Resta massiccia la redditività di Delfin, pur segnando nel 2016 un calo rispetto all'anno precedente. Come indicano i documenti depositati in Lussemburgo e consultati da Radiocor, l'utile netto della holding della famiglia Del Vecchio nel 2016 è stato di 312 milioni di euro dai 404 milioni dell'anno precedente (che erano quasi raddoppiati dai 206 milioni del 2014).

All'assemblea del 22 settembre il consiglio di gestione ha proposto la destinazione dell'utile a riserva, con il pagamento di un dividendo di 31,2 milioni a Leonardo Del Vecchio, quale usufruttuario, contro i 41 milioni della cedola precedente. Le riserve di Delfin a fine 2016 ammontavano a 2,65 miliardi da 2,25 miliardi del 2016.

Gli asset della cassaforte che detiene il 62,55% di Luxottica e altre quote finanziarie, tra qui le partecipazioni in Generali e Unicredit, a fine anno totalizzavano 8,99 miliardi dagli 8,68 miliardi del 2015. Il conto economico registra minori utili sia da partecipazioni, scesi a 318 milioni da 479 milioni, sia da altri investimenti o prestiti (55,7 mln da 148,7 mln). Al tempo stesso, pero', le svalutazioni sono diminuite a 17,5 milioni da 160 milioni del

2015. Oltre al controllo di Luxottica, a Delfin fanno capo il 49% in Porto San Rocco e il 100% di altre 6 finanziarie minori, tutte domiciliate in Lussemburgo, ad eccezione dell'italiana Partimmo. Delfin è anche depositaria delle quote in Generali (3,16%) e in Unicredit (poco sotto il 2%).

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista