Quotidiani locali

Vai alla pagina su Nordest Economia
Google: parte Veneto in Digitale

Google: parte Veneto in Digitale

Al via il progetto dedicato agli imprenditori locali per avere successo sul web: appuntamenti a Treviso, Padova, Verona, Venezia e le camere di commercio del territorio

Formazione gratuita sull’uso di internet per le aziende. Tecnologia a portata di mano, fruibile da tutte le imprese di qualunque settore. Digital check up per tutte le aziende interessate. Queste le iniziative al centro di Veneto in Digitale, la serie di incontri organizzati da Google in collaborazione con Unioncamere per avvicinare le imprese del territorio veneto alle opportunità della rete e offrire strumenti concreti per utilizzare al meglio il web.

Veneto in Digitale nasce da un’idea semplice: molte PMI non hanno una significativa presenza online e perdono così un’occasione importante per farsi conoscere. Oggi, però, qualunque impresa si può considerare come una “impresa digitale”: dalla bottega artigiana alla cantina vinicola, dalla fabbrica di imballaggi al forno tradizionale, avere un sito internet, comparire sulle mappe ed essere riconoscibili sui social network e sui motori di ricerca rappresenta un’opportunità di crescita unica, una vetrina virtuale che valorizza l’attività principale dell’azienda e la rende visibile in tutto il mondo.

"Cosa potrebbe fare una piccola impresa locale se avesse a disposizione gli stessi strumenti delle più grandi aziende mondiali? Mappe online, motori di ricerca e social network, pensati per miliardi di persone, rappresentano in effetti questo tipo di strumenti e, se usati nel modo giusto, possono aiutare una micro-impresa a diventare una micro-multinazionale. L’obiettivo di Veneto in Digitale è dimostrare che grazie alle competenze digitali gli imprenditori, a prescindere dalla loro provenienza e dal settore aziendale, possono raggiungere nuovi clienti, espandersi in nuovi mercati e aumentare i ricavi" spiega una nota Google.

Un caso ormai famoso è quello di Loison, pasticceria artigiana di Costabissara che nel 1996 ha aperto un sito web e ha cominciato a vendere online. Loison usa ancora l’antica ricetta di famiglia, ma oggi ha un giro d’affari di 8 milioni di euro l’anno e la metà degli ordini che arrivano dall’estero.

Un altro caso è quello di YourMurano, canale di e-commerce nato nel 2011 in sinergia con le aziende di Murano e le istituzioni di Venezia per la vendita online del Vetro di Murano, prodotto di eccellenza del Made in Italy.

C’è poi B&B Marconi di Verona, network di strutture ricettive della zona che, pur mantenendo il carattere familiare e pratico dei B&B e degli appartamenti privati, consente a piccole attività di offrire servizi generalmente riservati a grandi strutture organizzate.

E infine c’è Sticar, azienda di Padova per il noleggio e la vendita di carrelli elevatori, piattaforme aeree e gru, che nel 2015 ha deciso di trasferire il 99% dell’intero investimento pubblicitario sull’online. YourMurano, B&B Marconi e Sticar sono solo tre delle oltre 30.000 aziende che hanno conosciuto il successo sul web dopo aver preso parte a Eccellenze in Digitale, il programma nazionale di Google e Unioncamere dedicato alla digitalizzazione delle PMI.

I numeri del progetto confermano la grande opportunità offerta dal digitale. Secondo una recente ricerca, il 67% degli imprenditori che ha partecipato a Eccellenze in Digitale, il progetto di sensibilizzazione al web di google e unioncamere, nel 2016, ha dichiarato una crescita della propria attività, il 18% un aumento del fatturato, il 29% di aver aumentato le esportazioni. Un’azienda su 10 ha subito assunto persone con maggiori competenze digitali,

mentre una su 4 ha espresso l’intenzione di farlo entro 6 mesi dalla fine del corso. In Veneto sono già più di 2.800 le aziende che hanno preso parte ai corsi presso le Camere di Commercio locali e più di 22.000 le persone che hanno seguito i corsi online su www.eccellenzeindigitale.it.

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista