I DATI REGIONALI

«Servizio civile, utilizziamolo contro il gioco d’azzardo»

Cinque anni di servizio civile in Veneto festeggiati giovedì 6 dicembre all’auditorium della Provincia di Venezia in via Forte Marghera. Presenti oltre 300 ragazzi che dal 2007 al 2011 hanno svolto l’...

    Cinque anni di servizio civile in Veneto festeggiati giovedì 6 dicembre all’auditorium della Provincia di Venezia in via Forte Marghera. Presenti oltre 300 ragazzi che dal 2007 al 2011 hanno svolto l’attività in diversi enti preposti dalla Regione, dedicandosi alle persone meno fortunate o con incarichi di sostegno alla struttura.

    Ne è emerso uno spaccato quasi totalmente in “rosa” come ha sottolineato Valli Giorio, funzionaria responsabile del Servizio civile per la Regione: «Dei 3.122 ragazzi che dal 2007 al 2011 hanno svolto il servizio», ha detto la funzionaria, «e ai quali, attraverso l’università di Padova, abbiamo sottoposto un questionario, ha risposto un campione di circa 900 ragazzi».

    Le domande erano volte a sapere se il servizio aveva poi aiutato l’entrata nel mondo del lavoro e se, finito il servizio, i ragazzi si erano impegnati nel sociale e nella politica. La risposta è stata affermativa, con un dato curioso: la maggior parte dei questionari pervenuti è infatti arrivata dalle ragazze con il 78% mentre solo il 12% da ragazzi, tutti dai 22 ai 25 anni, ossia quella fascia di età che permette la possibilità di conciliare studi e lavoro.

    L'assessore regionale ai servizi sociali e alle politiche giovanili Remo Sernagiotto nel suo intervento, incalzato dalla ragazza che attualmente sta chiudendo il mandato come rappresentante dei giovani impegnati, ha sottolineato che nel Veneto sono «attivi e funzionanti, oltre al servizio civile nazionale, anche quelli regionale e degli anziani: una vera ricchezza per tutta la nostra società. Dobbiamo continuare a implementare questa ricchezza e perciò mi impegno a far sì, tramite anche il coinvolgimento delle fondazioni bancarie, che il consiglio regionale aumenti le risorse destinate ai giovani portandole dai 500 mila euro attuali ai 700 mila precedenti o a un milione di euro. Il servizio civile dei giovani potrebbe essere utilmente impiegato da parte delle istituzioni per combattere la dilagante dipendenza dal gioco d'azzardo».

    Gian Nicola Pittalis

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    10 dicembre 2012
    Casa di Vita

    Il menu di Pasqua di Casa di vita

    Altri contenuti di Cronaca

    Annunci

    • Vendita
    • Affitto
    • Casa Vacanza
    • Regione
    • Provincia
    • Auto
    • Moto
    • Modello
    • Regione
    • Regione
    • Area funzionale
    • Scegli una regione

    Negozi

    ilmiolibro

    Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana

     PUBBLICITÀ