Dal soccorso medico alle bottiglie d’acqua

Un centinaio di persone in servizio per garantire l’assistenza ai viaggiatori in questi giorni

    Un centinaio di persone al lavoro per garantire un esodo estivo senza eccessivi disagi. La Cav ha predisposto un piano estivo con personale proprio e ditte di appalto per intervenire su Passante e autostrada. A Padova Est, Preganziol e Spinea sono presenti mezzi per interventi in caso di avaria alle macchine e ai camper, in modo tale da liberare velocemente le corsie.

    Ad Arino e Preganziol sono stati predisposti due punti di soccorso medico.

    Per il controesodo, un punto sarà attivato anche a Spinea, prima dell’interconnessione tra A4 e A57. Presidi con personale per le eventuali deviazioni dal Passante sono previsti a Dolo e sulla A27. Il personale sarà impegnato, in caso di ingorgo, ad attivare la segnaletica girevole predisposta dallo scorso anno mentre la sala operativa di Cav, a Villabona, segue l’andamento dell’esodo attraverso le telecamere e gestisce le informazioni agli automobilisti attraverso i pannelli a messaggio variabile.

    I pannelli consentono, ad esempio, di anticipare le chiusure fisiche del Passante, con chiusure virtuali, ovvero gli inviti agli automobilisti ad utilizzare l’A27 fino a Conegliano e da qui raggiungere Portogruaro. Si fanno almeno una decina di chilometri in più in macchina ma si evitano le code. Un buon 30 per cento degli automobilisti, stimano dalla società autostradale, evita il disagio dei rallentamenti, oggi, sfruttando questa possibilità.

    Ovviamente tutte le informazioni sono gestite in collaborazione con la polizia stradale, che ha una propria postazione anche nella sala operativa di Cav, e con Autovie Venete che diffonde bollettini informativi sull’andamento del traffico.

    Punti di distribuzione d’acqua, gestiti in collaborazione con la Protezione civile del Veneto che fornisce personale, sono previsti a Preganziol e Spinea e distribuzioni sono previste anche nelle stazioni di servizio dove sono attivati dei luoghi di approvvigionamento ed eventuale ristoro per i viaggiatori in transito.

    Una quindicina gli operatori della Protezione civile che collaborano con il centinaio di tecnici di Cav nella gestione di qualsiasi emergenza, dalla semplice auto in panne all’incidente rilevante.

    Aperti in occasione dell’esodo estivo tutti gli 82 punti di esazione, solo sei sono quelle che non sono ancora automatizzate. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    05 agosto 2012
    Casa di Vita

    Più energia con le noci dell’Amazzonia

    Altri contenuti di Cronaca

    Annunci

    • Vendita
    • Affitto
    • Casa Vacanza
    • Regione
    • Provincia
    • Auto
    • Moto
    • Modello
    • Regione
    • Regione
    • Area funzionale
    • Scegli una regione

    Negozi

    ilmiolibro

    Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana

     PUBBLICITÀ