Caccia all’affare low cost nei negozi di Mestre

Preso d’assalto l’outlet di Noventa di Piave, con l’arrivo di molti turisti stranieri ressa anche nei centri commerciali, soprattutto da Auchan e Valecenter

    Caccia all’acquisto, ma low cost. Nonostante l’afa e il caldo insopportabile, è partita ieri la lunga maratona dei saldi estivi, per molti negozianti l’ultima spiaggia di una stagione partita maluccio, appesantita da una primavera fiacca e un inverno laconico. Non si può dire che gente in giro non ce ne fosse, tutt’altro. Ma per fare un pronostico è presto, specialmente se si considera che in molti negozi, soprattutto quelli di un certo target, gli sconti per la clientela sono partiti da un pezzo.

    «È presto per dire come si metteranno le cose», spiega Marco Cappelletto, titolare dell’omonimo negozio di calzature del “salotto mestrino”, «tanta gente è via, fa caldo, senza considerare il martellamento mediatico negativo, vedi il paventato cataclisma Imu, che fa solo male all’economia, perché nel dubbio, la gente non compera».

    Il pessimismo cosmico di giornali e tivù, secondo più di qualche commerciante, non giova alla ripresa. Da Cappelletto, gente ce n’è. Gli sconti oscillano dal 20 al 40 per cento. «Ma c’è da dire», aggiunge «che in giro i saldi, non smettono mai». Sono le catene che vendono costumi da bagno, pantaloncini, copricostume ad andare per la maggiore: Intimissimi, Golden Point, dove si porta via per pochi euro. «Andiamo bene, ed anche molto», commenta una commessa di Yamamay. «Il primo giorno si lavora», spiega la titolare del negozio Geox, Laura Sulagna, «bisogna vedere cosa succede dopo e se si regge, adesso siamo sul trend dell’anno scorso, ma in generale la piazza è in calo e non prevediamo che l’onda dei saldi duri a lungo». «Per ora corriamo ed è bene» le fa eco la responsabile, Barbara Cesare. «Non sta andando male», commenta Marta Corazza, di Behave Shop in via Palazzo, «ma abbiamo iniziato con degli sconti più alti del solito, poi bisogna metterci il brutto tempo che ha inciso e lo spettro dell’Imu».

    In giro, pacchetti se ne vedono. Eleonora Pasetti, ha comperato un paio di scarpe: «Le ho prese da Silvian Heach», spiega soddisfatta, «da 60 le ho pagate 20 euro. Io più che i saldi, aspettavo lo stipendio, ma ho ancora qualche cosa da comperare, tra cui di sicuro un costume».

    «Poca gente», commentano all’interno della boutique “Lori” di Galleria Teatro Vecchio le commesse Lisa e Roberta «speriamo vada meglio nel pomeriggio». Non conosce crisi “Zero”, che in via Olivi da qualche mese conta ben due negozi: «Noi lavoriamo tutto l’anno per fortuna», spiega Diego Bolzonella, il titolare, «mentre c’è chi imposta le vendite sugli sconti 12 mesi l’anno». Immancabile afflusso ai centri commerciali, Auchan e soprattutto Valecenter di Marcon. Da Zara il solito via vai e la coda nei camerini.

    Le difficoltà economiche non frenano la corsa ai saldi anche al Veneto Designer Outlet di Noventa, sospinto dai turisti stranieri.

    Ieri nelle prime quattro ore di aperture (dalle 10 alle 14) si sono registrati già 12 mila visitatori, con un +37% di arrivi rispetto al primo giorno dei saldi estivi dello scorso anno. Il dato definitivo della giornata lo si conoscerà solo oggi, visto che gli oltre cento negozi della cittadella della moda sono rimasti aperti fino alle 23. Circostanza che, insieme alla durata più lunga degli sconti, ha evitato ieri la ressa tipica dei saldi invernali. «L’inizio dei saldi sta andando bene. Il 70% dei nostri visitatori sono turisti», osserva Enrico Biancato, direttore dell’outlet, «arrivano dalla Germania, dall’Austria, dalla Russia, ma anche dai Paesi asiatici e quest’anno abbiamo visto anche molti turisti dal Medio Oriente. È la prima volta che ne abbiamo così tanti e sarà interessante capire le loro percentuali di spesa». L’arrivo di tanti turisti è merito degli accordi commerciali stipulati con i tour operator, oltre che dei bus navetta: 3 corse giornaliere da Venezia e 2 da Jesolo, oltre a quelle periodiche da Bibione, Lignano e, a breve, anche da Treviso.

    Marta Artico

    e Giovanni Monforte

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    08 luglio 2012
    Casa di Vita

    Benvenuti in Calabria

    Altri contenuti di Cronaca

    Annunci

    • Vendita
    • Affitto
    • Casa Vacanza
    • Regione
    • Provincia
    • Auto
    • Moto
    • Modello
    • Regione
    • Regione
    • Area funzionale
    • Scegli una regione

    Negozi

    ilmiolibro

    Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana

     PUBBLICITÀ