Pescato in laguna un tonno di due quintali

Da anni non si vedeva in laguna un esemplare di queste dimensioni, in dieci per sollevarlo dall’acqua

    di Francesco Furlan

    PELLESTRINA. «Erano anni che non vedevo un tonno così in laguna, vengono qui perché c’è il mare buono». Francesco Ballarin, pescatore di Pellestrina, posa davanti al grande tonno rosso pescato giovedì notte tra il Lido e Malamocco: una bestia da 2 quintali e 25 chilogrammi, lungo 2 metri e 30 centimetri. Lui era sulla sua barca Laura con la rete a cogollo, usata per la cattura delle seppioline - questa è la stagione buona - quando nella rete ha fatto capolino il tonno. «Per tirarlo a bordo abbiamo chiamato un’altra barca di pescatori in appoggio, eravamo una decina di uomini», racconta Ballarin, «ci abbiamo messo una mezzoretta buona per tirarlo in barca. Per ciò che mi riguarda erano cinquant’anni che non vedevo un tonno così , c’è l’acqua buona, i fiumi hanno scaricato poco per via delle scarse piogge e i pesci vengono anche in laguna». E un tonno così è una rarità non solo in laguna, anche in mare aperto, visto che i tonni rossi sono una specie in via di estinzione, come ricorda Luca Mizzan, biologo marino del Museo di storia naturale di Venezia. «I pescatori sono quelli che vivono di più il mare, osservano i fenomeni e li mettono in relazione, ma non è sempre facile capire se la relazione è valida», dice Mizzan, «è vero che l’acqua quest’anno è stata più pulita, ma io credo ciò che va rilevato è che la laguna è sempre più golfo marino, cioè è sempre più mare, i canali sono più profondi e i tonni entrano più facilmente in cerca di cibo».

    La laguna è come il mare, ma più sicura e con più cibo. «Avvistamenti di tonno ce ne sono ormai quasi ogni anno, ad esempio lungo il canale dei petroli» aggiunge «ma un tonno rosso di queste dimensioni in laguna non è certo molto comune. Magari ne entrassero di più, vorrebbe dire anche che ce ne sono di più in mare». I tonni seguono le correnti, entrano in laguna per mangiare, come le ricciole, che si pescano senza troppe difficoltà. «Una volta l’Adriatico era pieno di tonni, pensiamo solo a tutte le tonnare dell’Istria, pensiamo solo che l’azienda Maruzzella era a Marano Lagunare, poco dopo Lignano», racconta Michele Pellizzato, biologo marino consulente della Provincia per la pesca. «Una cosa comunque va detta, i tonni non vengono in laguna né per svernare né riprodursi. I credo che siano entrati, e parlo al plurale perché i tonni si muovono in banco, per cercare cibo. I tonni sono predatori. Ora bisognerà capire se la presenza di questo grande tonno sarà un caso isolato o segnerà una tendenza, di sicuro qualcosa sta cambiando nella vita della laguna, ma è ancora da capire in quale direzione».

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    29 aprile 2012

    Lascia un commento

    Casa di Vita

    Chips e polvere di peperone

    Altri contenuti di Cronaca

    Annunci

    • Vendita
    • Affitto
    • Casa Vacanza
    • Regione
    • Provincia
    • Auto
    • Moto
    • Modello
    • Regione
    • Regione
    • Area funzionale
    • Scegli una regione

    Negozi

    ilmiolibro

    Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana

     PUBBLICITÀ