ISOLA DELLE VIGNOLE
Devastano chiesa e gettano statua di Gesù nel canale: fermati due minorenni

Isola delle Vignole, protagonista una coppia di ragazzini, lui 17 anni e lei 16, sono stati fermati dalle forze dell'ordine con indosso i paramenti religiosi per le messe. Non hanno dato alcuna spiegazione del gesto

    VENEZIA. Hanno devastato gli interni di una chiesa in un'isola della laguna, gettato in acqua una statua di Gesù, e poi sono usciti indossando i paramenti religiosi usati per le messe: protagonisti due ragazzi veneziani - lui 17 anni lei 16 - che sono stati bloccati dagli agenti delle volanti con ancora addosso due paramenti vicino a un pontile. In Questura non hanno dato alcuna giustificazione riguardo ai loro atti.

    I due erano entrati nella chiesa di Santa Erosia, all'isola delle Vignole, spaccando con un calcio il portone d'ingresso fatto di legno. Una volta all'interno, si sono scatenati con atti di vandalismo: panche e tavoli rovesciati, oggetti utilizzati per le funzioni religiose gettati a terra, parti dell'altare infrante e una statua raffigurante Gesù buttata nel vicino canale.

    Dopo aver mangiato alcuni snack all'interno della chiesa, i due hanno fatto suonare le campane. Il suono delle campane ha creato un certo allarme tra i residenti e alcuni si sono accorti dei due giovani che sono stati anche inseguiti prima di essere bloccati dall'arrivo della polizia.

    Per loro - il ragazzo era già noto alle forze dell'ordine per reati contro la persona e il patrimonio - sono scattate le denunce per furto aggravato, offese alla religione mediante vilipendio, devastazione e saccheggio.
    18 giugno 2011
    Casa di Vita

    Che stress! Alla scoperta delle sue origini

    Altri contenuti di Cronaca

    Annunci

    • Vendita
    • Affitto
    • Casa Vacanza
    • Regione
    • Provincia
    • Auto
    • Moto
    • Modello
    • Regione
    • Regione
    • Area funzionale
    • Scegli una regione

    Negozi

    ilmiolibro

    Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana

     PUBBLICITÀ